Enti di ricerca inadempienti su trasparenza e anticorruzione : A quando le sanzioni da parte dell’ANAC?

Dopo aver pubblicato antro il 31 dicembre la relazione sull’attività anti corruzione svolta nel 2014 (mancano ancora all’appello l’Istituto superiore di sanità e l’Istituto nazionale per l’alta matematica), all’inizio dell’anno le amministrazioni sono state chiamate a soddisfare importanti  adempimenti previsti per la trasparenza e la prevenzione della corruzione.

Entro il 31 gennaio 2015, secondo quanto previsto dall’articolo 1 comma 8 della Legge 190/2012, andava approvato e pubblicato  il piano triennale anticorruzione 2015-2017 (PTPC).

Alla stessa data, l’articolo 1 comma 32 della medesima legge richiedeva la pubblicazione in formato standard digitale aperto (formato .xml) delle informazioni relative ai contratti  di lavori, servizi e forniture del 2014, secondo le indicazioni fornite dall’Anac.

Infine, per non incorrere nelle penali previste dall’articolo 24-quater del decreto legge 90/2014, entro il 16 febbraio scorso le amministrazioni avrebbero dovuto pubblicare nella sezione ‘Altri contenuti’ di ‘Amministrazione trasparente’ il catalogo dei dati, metadati e banche dati, come previsto dall’articolo 52 del decreto legislativo 82/2005 (Codice dell’amministrazione digitale).

Tra i 21 enti di ricerca solo 7 hanno pubblicato finora il PTPC 2015-2017 (Ispra, Science Park, Asi, Infn, Ingv, Inrim e Ogs). L’Enea si è limitato a pubblicare un aggiornamento del PTPC 2014-2016 non assolvendo, pertanto, all’obbligo di pubblicazione.

Le cose vanno un po’ meglio per il riepilogo dei contratti pubblici, che è stato rispettato da 14 enti di ricerca. Mancano ancora all’appello Cnr, Indam, Asi, Inrim, Invalsi, Iisg e Museo Fermi.

Solo 6 sono, invece, gli enti di ricerca che hanno in qualche modo riempita la sezione del sito sugli open data (Ispra, Cnr, Cra, Istat, Isfol e Ingv). A questi va aggiunto l’Ogs, che dichiara di non avere dati, metadati e banche dati da dover mettere a disposizione di imprese e cittadini.

In pratica, secondo la ricognizione effettuata la scorsa settimana, su 63 adempimenti complessivi ne risultano rispettati solo 28 (il 44%). In disparte gli enti di ridotte dimensioni – per i quali è lecito continuare a chiedersi perché non sono stati ancora soppressi o incorporati – appare particolarmente grave la situazione del Cnr, il più grosso ente di ricerca italiano, che non ha approvato il PTPC 2015-2017 e non ha diffuso il riepilogo dei contratti stipulati nel 2014.

I termini temporali previsti dalla legge sono di natura perentoria e per ciascuna di queste mancanze è prevista una sanzione amministrativa.

Se l’Anac iniziasse seriamente ad applicarle o a segnalarle a chi di dovere, il malcostume di infischiarsene delle leggi, con ogni probabilità, cesserebbe.

di Franco Mostacci
pubblicato sul Foglietto della Ricerca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *